#Andràtuttobene: SOLO SE COLLABORIAMO!

La vostra opinione non è richiesta, vi viene solo richiesto di eseguire ciò che vi viene imposto dalla legge data dal Governo che la maggioranza dei cittadini ha supportato.

Ripeto: la vostra opinione non è richiesta in merito alla sanità pubblica almeno che non siate medici, biologici o professionisti sanitari e portiate con voi prove scientifiche prese da fonti attendibili a favore delle vostre idee! Questa volta le vostre “lauree” da persone “informate” potete benissimo metterle da parte, dimenticarle, capire che non siete tuttologhi e fare esattamente ciò che è richiesto prima che la situazione peggiori!

No, non sarò diplomatica, perché un epidemia non è diplomatica, un virus non è diplomatico, gente che paga le conseguenze per scelte egoistiche di altri non è diplomatico.

Chiunque non rispetti le ordinanze vigenti è meglio che prenda atto di mettersi in una situazione di rischio, diventando vettore (nonché lui per primo potenziale paziente o infetto) di un virus nuovo, molto contagioso che da noi potrebbe mettere in ginocchio un sistema sanitario ed economico.

Con i vostri comportamenti screanzati e incivili sarete diretti responsabili del contagio di altre persone e della morte di alcune persone, e no non pulitivi la coscienza con “ma erano anziani, avevano complicanze pregresse!“, le cose che dovevate fare vi sono state dette e sono semplici: STATE A CASA, LAVATEVI LE MANI, RISPETTATE LE DISTANZE!

Quindi, se mai sarete trovati positivi al tampone e non avrete rispettato le regole delle ordinanze, perché non sia mai che rinunciate al vostro Spritz post lavoro o alla serata con un po di musica del Sabato notte, sappiate che le persone ricoverate in Rianimazione e Terapia Intensiva sono lì anche per colpa vostra e se muoiono la colpa è anche vostra!

STATE A CASA perchè questo virus è molto contagioso e quindi il problema del tasso della mortalità che aumenta vi è se ci ammaliamo tutti insieme e tutti insieme abbiamo bisogno di cure! Non è un concetto difficile da comprendere, anzi direi che è abbastanza basico e siccome vi reputo persone intelligenti non ve lo rispiego (nel caso ve lo siate perso cliccando qui recuperate il post dove ve ne parlo).

Possiamo scannarci sulla politica e i tagli alla sanità, sulla paura del perdere il posto di lavoro e la nostra attività, e agire da screanzati, egoisti, ignoranti…O RIMANERE UNITI e lottora tutti assieme per il bene comune facendo tutti dei sacrifici e cioè cambiare le nostre abitudini.

Mentre eravate intenti a scappare dal Nord al Sud mettendo a rischio le vostre famiglie, mentre i locali per rimanere aperti continuavano a stipare i posti e a dire “è una semplice influenza” dall’alto della loro conoscenza medica data da cosa? 5 anni presso l’Alberghiero? O ancora peggio a fungere da discoteche prendendo la palla al balzo essendo le vere e proprie discoteche chiuse, potevate riflettere su come salvare tutti quanti comprese le vostre attività!

La sanità pubblica viene prima del singolo e dei vostri affari personali e paure!

Spiegatemi perché un ristorante non può puntare sul take away invece che impuntarsi a voler stipare il locale di gente.

Perché le aziende che possono non distribuscono il lavoro in smart working.

STATE A CASA VOSTRA, non per sempre, ma per qualche settimana in modo che questo avuto ora sia il picco dei contagi e non che questo virus continui a girare perché siete incapaci di vivere nelle vostre 4 mura di casa o perché avete deciso di saperne di più degli esperti!

Fate un attenta analisi sulle persone che vi siete scelte di avere vicino se manco riuscite a sopportare l’idea di vivere isolate con loro per 14 miseri giorni!

Mi sento dire “ci vuole una dittatura“!

NO, CI VUOLE BUON SENSO E SOPRATTUTTO SENSO CIVICO E COMUNE!

Non rinuncerò al mio diritto di cittadino di vivere in un paese democratico perché voi poveri analfabeti funzionali non siete capaci di rispettare delle regole dette per il vostro bene e di chi amate (se proprio non riuscite ad ampliare lo sguardo verso la comunità) perché almeno che non rischiate la corte marziale non vi attenete alle regole!

Il mio pensiero e il mio sostengo vanno a tutte quelle persone che ci stanno provando con grandi sacrifici a limitare il contagio di questo virus, che rimangono a casa, che cambiano le loro abitudini, che lavorano per garantirvi il vostro diritto costituzionale di cura!

Per avere informazioni attendibili e vere vi invito a informarvi sulla situazione delle vostre Regioni direttamente dal sito della regione e sul sito del Ministero della Salute!

2 Commenti

  1. Esatto ragazze seguite quello che ha detto Federica, bisogna stare a casa il più possibile ed evitare di contagiare gli altri. Da pedagogista vi dico che questa è un opportunità per stare in casa cn la propria famiglia e di godersela facendo tante cose belle insieme per passarsi il tempo nel modo più efficace possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *